ATTENZIONE: causa Covid19 consegne non garantite per tutti i comuni. Contattaci per sapere se la consegna è garantita nel tuo comune. Grazie per la collaborazione. Spedizioni gratis a partire da 20€
Carrello 0

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

Giornata Mondiale del Sonno: due kiwi per dormire meglio

16/03/2018

Promossa dall’Associazione Mondiale di Medicina del Sonno, la Giornata Mondiale del Sonno ha lo scopo di sensibilizzare la popolazione mondiale riguardo all'importanza del sonno, proponendo incontri e consulenze per chi già manifesta i disturbi più comuni: l'insonnia, sveglie frequenti durante la notte o difficoltà a addormentarsi.

Dormire bene è una necessità primaria

Il sonno cattivo può avere conseguenze sulla salute del corpo e della mente, come deficit di memoria e concentrazione, stanchezza generale, disturbi dell’umore, fino a manifestazioni più gravi come depressione e diabete.​

Come possiamo dormire meglio

Approfittare di questa giornata per ricevere una consulenza medica adatta a noi è il primo passo per dormire meglio. Se siamo in vena di esperimenti, eccone uno...gustoso.
 

Quei due kiwi che aiutano a dormire bene


​​​​​​​Lo sostiene uno studio dell’Università Medica di Taipei: la ricerca, condotta su 22 donne e 4 uomini tra i 20 e i 50 anni, ha dimostrato che il consumo quotidiano di kiwi innalza qualità e quantità del sonno.

Le persone che si sono prestate alla ricerca soffrivano di disturbi del sonno e per 4 settimane ha consumato due kiwi un’ora prima di andare a letto. Risultato? Diminuzione del tempo impiegato ad addormentarsi, aumento della profondità del sonno, la sua qualità, l’efficacia e la durata.

Allora provare per credere: bastano solo due kiwi!

#kiwi #insonnia

Dai nuova vita alla tua email

Rinfresca la tua casella di posta: falla diventare biologica e sostenibile. Come? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere una volta al mese un paio di consigli per adottare uno stile di vita a basso impatto ambientale.


Vuoi sapere cosa inviamo? Guarda qui!